Facciamo fare un salto di qualità all’Enterprise 2.0?

marzo 11, 2012 9:41 am | POSTED BY lorenzorattazzi

Torniamo a scrivere dopo un po’ di tempo sul nostro blog scegliendo un argomento che ci sta particolarmente a cuore, ovvero come riuscire a realizzare progetti di riorganizzazione e miglioramento dei processi aziendali attraverso l’implementazione in azienda di soluzioni software sociali che stimolino e facilitino la collaborazione e la condivisione di know-how informale.

Si tratta di una disciplina un po’ di frontiera, che va sotto il nome “ombrello” di Enterprise 2.0, che il nostro partner Crabiz sta studiando da quasi due anni, ma che non siamo ancora riusciti a sperimentare in un reale progetto aziendale, probabilmente a causa della cautela che le aziende di grandi dimensioni (naturali destinatari di progetti di questo tipo) mostrano verso proposte di progetti di taglio organizzativo nell’ambito dell’E20, salvo poi magari spendere qualche decina, se non centinaia di migliaia di euro nell’acquisto di licenze di software che non verranno mai utilizzati…

Un recente, e come al solito bellissimo post di Andrew McAfee (leggetelo qui) mette in evidenza come per fare il salto di qualità occorre riuscire a

1. INTEGRARE in modo profondo i software sociali con funzionalità di collaboration e knowledge management con i sistemi ERP che consentono di gestire i processi aziendali

2. CONVINCERE le risorse chiave dell’organizzazione dell’enorme utilità che una “socializzazione” dei processi e delle procedure può determinarei punti decisionali chiave

Occorre quindi

a. analizzare in modo sistematico l’organizzazione e capire dove iniziare a lavorare per integrare lo strato sociale nei processi in modo da ottenere risultati importanti in breve tempo, e solo dopo guardarsi intorno per capire quale soluzione software fa per noi

b. realizzare un’azione di sensibilizzazione sulle figure chiave, con ampio ricorso alla presentazione di casi di successo concreti. Il lancio di un progetto di formazione collaborativa (guardate questa presentazione per capire di cosa si tratta) potrebbe essere un passo importante in questa direzione.

Ce la faremo?

Aspettiamo i vostri commenti

Leave a Reply